Project Sunroof analizza le dimensioni del tetto, le condizioni meteorologiche ed eventuali ostacoli per la luce, per poi fornire un responso sulla convenienza dell’impianto fotovoltaico. E ha già mappato gli Stati Uniti

 

 

Quando si inizia a pensare di dotare la propria casa di pannelli solari il quesito ricorrente è sempre e solo uno: tutto molto interessante, ma mi conviene? A rispondere, ancora una volta, è Google. 

Nell’ambito del suo Project Sunroof, la compagnia di Mountain View è infatti riuscita a mappare i tetti di case, industrie ed edifici sparsi negli Stati Uniti, e a fornire per ogni singolo caso un responso sulla convenienza o meno dell’impianto fotovoltaico. Basandosi, per esempio, su condizioni meteorologiche, ampiezza del tetto e presenza di eventuali impedimenti per la luce, come alberi e muri circostanti.

Morale? Circa l’80% delle strutture mappate dal team di Google si è dimostrata potenzialmente adatta all’installazione di pannelli solari. Questa notizia, spiegano i ricercatori, potrebbe rivelarsi particolarmente utile per città come Houston, dove a quanto pare una sapiente conversione al fotovoltaico potrebbe portare ai cittadini un bel gruzzoletto di energia pulita, per un totale di circa 18940 gigawatt all’ora.

Ma la consulenza fornita da Project Sunroof non finisce qui: non solo consente ai cittadini statunitensi di cercare la propria casa e di verificare la fattibilità dell’installazione dell’impianto, ma consiglia anche il numero e la grandezza dei pannelli e propone una stima dell’energia generata. Al momento il servizio è circoscritto agli States, ma potrebbe presto essere allargato anche all’Europa.

Sorgente: Secondo Project Sunroof di Google, l’80% dei tetti potrebbe ospitare pannelli solari – Wired