L’Enea: nel primo trimestre produzione elettrica +6,4%

La ripresa economica italiana (per quanto non fortissima) si nota anche dall’’aumento del consumo di energia (+1,7%) e delle produzione elettrica (+6,4%). L’Analisi Trimestrale dell’Enea (l’ente nazionale per le energie alternative e il risparmio energetico) registra però un netto peggioramento (-10% su base annua) dell’indice Ispred, che non stiamo a definire nei dettagli ma misura la transizione del sistema energetico nazionale sulla base di sicurezza, prezzi e andamento dell’anidride carbonica.

«L’inverno 2016/2017 ha fatto emergere alcune fragilità del nostro sistema energetico – spiega Francesco Gracceva, l’esperto dell’Enea che ha coordinato l’Analisi – che negli ultimi anni erano state sottovalutate, e ha mostrato come la transizione energetica continui a presentare aspetti problematici. Le nostre simulazioni così come quelle dell’Associazione europea dei gestori delle reti elettriche, evidenziano che nel corso dell’estate potrebbero manifestarsi problemi di adeguatezza, in particolare nel Centro Nord, qualora si verificasse un mix di condizioni estreme con alte temperature, bassa produzione da fonti rinnovabili non programmabili e bassa disponibilità di acqua».

Inoltre il forte aumento della produzione interna di elettricità e la ripresa della domanda di gas naturale per usi finali hanno determinato il secondo incremento trimestrale consecutivo delle emissioni di anidride carbonica (+2,8%) che quest’anno potrebbero tornare ai livelli del 2013.

Sorgente: L’energia rialza la testa, consumi +1,7% – La Stampa