Al via la nuova call di Horizon 2020 sull’energia geotermica: si chiama “Eranet Cofund Geothermica”, è dotata di un budget di 32,8 milioni e finanzia progetti innovativi nel campo dell’energia generata per mezzo di fonti geologiche di calore.

Il programma
Geothermica è un’iniziativa cofinanziata dal programma Horizon 2020 per accelerare la diffusione di questa fonte alternativa di energia in Europa attraverso la messa in comune dei fondi nazionali e comunitari per la ricerca e l’innovazione; una maggiore attenzione al miglioramento dei “business cases” per l’energia geotermica; la creazione di una duratura collaborazione strategica.
Il consorzio Geothermica, composto da 13 Paesi tra cui l’Italia, si propone di lanciare bandi transnazionali congiunti al fine di promuovere un utilizzo e una produzione ottimali dell’energia proveniente da risorse geotermiche, che comprenda sistemi integrati e combinati (come, ad esempio, le pompe di calore, le altre forme di energia rinnovabile, e l’utilizzo della metropolitana come sito di stoccaggio per il riscaldamento e il raffreddamento dell’energia).
I bandi congiunti sono incentrati su progetti dimostrativi capaci di portare soluzioni energetiche innovative più vicine alla distribuzione commerciale, incoraggiando la partecipazione industriale al fine di utilizzare in modo vantaggioso gli investimenti del settore pubblico. Parallelamente al lancio e al co-finanziamento dei bandi, Geothermica si baserà sui risultati già ottenuti dall’Eranet Geothermal per coordinare le agende nazionali di ricerca e innovazione nel settore. L’obiettivo è quello di evolvere verso uno scenario europeo sempre più integrato.

Il bando 2017
Il bando 2017 verte su quattro tematiche: identificazione e valutazione delle risorse geotermiche; sviluppo delle risorse geotermiche (foratura, materiali di completamento e attrezzature); fornitura e integrazione smart nel sistema energetico; operazioni (miglioramento dei sistemi d’iniezione, ottimizzazione delle attrezzature e dei materiali, tecnologie smart per la gestione dei bacini).

Risorse
Le risorse a disposizione ammontano a circa 32,8 milioni, di cui 7,7 provenienti dalla Commissione Ue. L’Italia aderisce al bando tramite il Miur con un budget di 500mila euro.

Chi può partecipare
Riguardo alla partecipazione italiana, è obbligatoria la presenza di una impresa nel caso in cui vogliano partecipare più enti al progetto. Un’università o un istituto di ricerca non possono essere l’unico partecipante italiano.

Scadenze
Sono previste due scadenze per la presentazione delle domande: per le proposte preliminari il termine ultimo è fissato alle ore 13 del 10 luglio 2017; per le proposte complete la scadenza è il 24 novembre 2017, ore 13.

SCARICA LA CALL
http://www.geothermica.eu/call-to-action/

TABELLA
Risorse complessive
32,8 milioni di euro
(di cui 7,7 provenienti dalla Commissione Ue)
Risorse stanziate dal Miur
500mila euro
Chi può partecipare
Imprese
Università
Istituti di ricerca
Scadenze
Ore 13 del 10 luglio 2017 per le proposte preliminari
Ore 13 del 24 novembre 2017 per le proposte complete