Fotovoltaico ed eolico saranno i protagonisti della transizione energetica ed entro il 2040 copriranno il 34% delle richieste di energia

Pubblicata da Bloomberg New Energy Finance (BNEF) l’edizione 2017 del “New Energy Outlook 2017, che grazie alle competenze di circa 80 specialisti e all’analisi del tecnologie del mercato elettrico di circa 12 paesi, presenta una previsione economica del settore energetico mondiale fino al 2040.

Emerge che le fonti rinnovabili, fotovoltaico ed eolico in testa, sono destinate a rappresentare quasi tre quarti dei 10,2 trilioni di dollari che il mondo investirà nei sistemi di generazione di energia fino al 2040, grazie a un rapido calo dei costi, al ruolo sempre più importante dei sistemi storage e alla crescita dei veicoli elettrici.

In particolare si stima che il costo della tecnologia solare scenderà del 66% e quello dell’eolico onshore del 47% entro il 2040. L’eolico offshore calerà del 71%.

È importante notare che il Rapporto esclude esplicitamente i sussidi per l’energia rinnovabile e non considera gli obiettivi climatici nazionali, a meno che non siano stati regolamentati da un meccanismo normativo.

Si prevede che la domanda elettrica globale crescerà del 58% entro il 2040, circa il 2% all’anno.

Solare ed eolico rappresenteranno il 48% della nuova capacità installata e soddisferanno il 34% del fabbisogno di energia in tutto il mondo entro il 2040. Oggi questi dati sono del 12% e del 5%.

La capacità solare installata crescerà di 14 volte e la capacità del vento quadruplicherà entro il 2040. Si prevede che l’energia rinnovabile raggiungerà una penetrazione del 74% in Germania, il 38% negli Stati Uniti, il 55% in Cina e il 49% in India entro il 2040. La metà dell’approvvigionamento in Europa deriverà dalle rinnovabili.

Aumenterà anche la diffusione delle batterie per l’accumulo e la mobilità elettrica. I sistemi di accumulo di piccole dimensioni installati da famiglie e aziende insieme agli impianti fotovoltaici rappresenteranno il 57% della capacità di storage a livello globale entro il 2040.

Sono destinati a crescere in maniera significativa gli impianti fotovoltaici su tetto per autoconsumo, settore che entro il 2040 rappresenterà fino al 24% della produzione di energia elettrica in Australia, il 20% in Brasile, il 15% in Germania, il 12% in Giappone e il 5% negli Stati Uniti e in India.

Sorgente: Infobuild Energia