Cambiare il fornitore di energia spaventa gli italiani. Il motivo principale probabilmente si deve a due fattori: il timore del cambiamento e il fatto che la lettura delle bollette e la valutazione delle offerte richiede impegno.
 E cosi milioni di italiani preferiscono ancora affidarsi al mercato tutelato – che terminerà il primo luglio 2019 – invece di scandagliare le proposte dei numerosi operatori presenti in Italia.

Che cosa è il mercato libero? 

Il problema di fondo è che gli italiani non hanno compreso esattamente la trasformazione di Enel, da produttore e distributore monopolista (e statale) a realtà privatizzata che svolge le principali attività tramite Enel Energia, Servizio Elettrico Nazionale (ex Enel Servizio Elettrico) ed e-distribuzione (ex Enel Distribuzione).
  • Enel Energia (Enel Distribuzione / e-distribuzione) è la società che opera nel mercato libero, come fanno ad esempio Edison, Iren Mercato, A2A Energia, Acea Energia, etc.
  • Servizio Elettrico Nazionale (Enel servizio elettrico) è una delle società che gestisce il servizio di Maggior Tutela, con il regime tariffario stabilito dall’Autorità del settore. e-distribuzione è la società che si occupa della distribuzione di energia elettrica in Italia.
Fondamentalmente quando si cambia operatore – nel libero mercato – si passa a un fornitore che sfrutta la rete di distribuzione esistente (propria o altrui) nella zona di residenza dell’utente.

Da dove partire?

Il primo passo è quello di comprendere con precisione il proprio livello di consumi e le tariffe applicate in fattura. In verità sono due passaggi più semplici di quanto si creda. In ogni fattura vengono esplicitati i consumi effettuati durante l’anno, nel periodo di riferimento e anche nei tre scaglioni settimanali che si chiamano F1, F2, e F3.Questi ultimi rappresentano rispettivamente i consumi effettuati durante l’orario diurno (da Lunedì a Venerdì 8:00 – 19:00), serale e pre-festivo (da Lunedì a Venerdì 7:00 – 8:00 ; 19:00 – 23:00) e Sabato (7:00 – 23:00), nonché la notturno e festivo (da Lunedì a Sabato 23:00 – 7:00, Domenica e festivi). In base a questa analisi potrete sapere quanti kWh consumate e quando. Ogni operatore energetico offre pacchetti confezionati per rispondere a queste esigenze e spesso offerte promozionali che possono durare 12 mesi o più.

Come risparmiare?

Il vero risparmio non si ottiene passando al mercato libero, bensì passando alla migliore offerta (del mercato libero) che risponde alle proprie esigenze. Sembra una banalità ma – come per la telefonia mobile – non esiste la tariffa perfetta per tutti.

A questo punto il prossimo passo è quello di aguzzare la vista, sempre nella propria fattura, per trovare “il costo medio unitario” e il “costo medio unitario della spesa per l’energia”, entrambi espressi in €/kWh. Purtroppo la composizione della bolletta è il frutto della somma di: spesa energia, spesa trasporto e gestione contatore, spesa oneri di sistema e imposte, nonché IVA. La prima voce è la principale, pesa per circa il 50% ed è quella che di fatto cambia ogni volta che si migra verso un altro operatore.

Ora con tutti i dati a disposizione si può affrontare il capitolo ricerca della tariffa migliore in base alle offerte disponibili dalle centinaia di operatori presenti nel mercato libero.

“Personalmente da quasi 5 anni mi affido al mercato libero, risparmiando notevolmente. L’unica rottura di scatole è che quando scadrà la promozione – nel mio caso 24 mesi – dovrò mettermi a caccia di una nuova tariffa, quella più vantaggiosa in quel momento.”

Soluzione rapida ed efficace

A questo punto, se sei preoccupato e non sai o non hai voglia di affrontare da solo il tema complesso del cambio di fornitore, affidati agli esperti in gestione dell’energia (EGE certificati) o chi fa questo lavoro con passione e competenza.drFLOW Energy Broker

drFLOW Energy Broker, scopri di più sul sito web

A tale scopo, noi di Baboo ESCo, abbiamo creato drFLOW Energy Broker, il servizio che compara le migliori offerte del mercato libero in base ai dati reali dei tuoi consumi ed al contratto che hai in essere con l’attuale fornitore.

Sorgente: Baboo ESCo – ing. Renato Clementi