C’è ancora il nostro Paese al primo posto della classifica 2017 redatta da Avvenia, player italiano della white economy e dell’efficienza energetica, attraverso una nuova metodologia, basata sui risultati quantificabili in tre settori chiave (industria, trasporti, edilizia), per valutare come e con quanta efficienza viene usata l’energia in ciascun Paese.

Tenendo conto di tutti e tre i settori, la valutazione di Avvenia per l’efficienza energetica globale vede l’Italia al primo posto con 92 punti su 100, seguita da Francia al secondo posto con 89 punti, Germania al terzo posto con 86 punti, Regno Unito al quarto posto 83 punti e Giappone al quinto posto con 78 punti.
I Europa ciascun Paese gioca una partita a colpi di rilanci sulle politiche energetiche orientate al calo delle emissioni di C02. Ma secondo Avvenia solo l’efficientamento energetico può consentire il contenimento delle temperature globali.

Alessio Cristofari, Direttore Sviluppo Business di Avvenia con delega alle Strategie ESCo: “L’eolico offre costi di generazione tra i 60 e gli 80 euro per megawattora ed il fotovoltaico è ancora più caro, con costi di generazione tra gli 80 ed i 100 euro. I costi di generazione da carbone sono invece intorno ai 30 euro per megawattora e quelli da gas intorno ai 40 euro. Insomma, la competizione da parte delle rinnovabili è diventata un’utopia: solo l’efficientamento energetico può consentire oggi il contenimento delle temperature globali”.

Nella graduatoria di Avvenia seguono poi il Canada (71 punti), l’Australia (65 punti), gli Stati Uniti (54 punti), la Russia (48 punti), la Cina (33 punti), l’India (30 punti) ed il Brasile (28 punti).

I dati sono stati elaborati da Avvenia sulla base di fonti primarie riconosciute a livello internazionale quali l’Agenzia Internazionale per l’Energia, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la Banca Mondiale e la Cia (The World Factbook).

Sorgente: Avvenia: Italia al primo posto per efficienza energetica | Monitorimmobiliare.it